La etica Biodinamica è legata a concetti spirituale-etico-ecologica approccio alla produzione agroalimentare e della nutrizione.

Il concetto di  biodinamica è stato sviluppato agli inizi del 1920 sulla base delle intuizioni spirituali e suggerimenti pratici dello scrittore austriaco, educatore e attivista sociale Dr. Rudolf Steiner (1861-1925), la cui filosofia si chiama “antroposofia.” Oggi, il movimento biodinamico comprende migliaia dei giardini di successo, aziende agricole, vigneti e operazioni agricole di tutti i tipi e dimensioni di tutti i continenti, in una vasta gamma di impostazioni ecologiche ed economiche.

Agricoltori biodinamici si sforzano di creare un portafoglio diversificato, ecosistema equilibrato azienda che genera la salute e la fertilità, per quanto possibile all’interno della stessa azienda. Preparazioni omeopatiche a base di letame, i minerali e le erbe sono utilizzate per contribuire a ripristinare e armonizzare le forzevitali della fattoria e per migliorare la qualità, la nutrizione e il sapore degli alimenti essere sollevato. Operatori biodinamici riconoscono e si sforzano di lavorare in collaborazione con le sottili influenze del cosmo più ampi sulla salute del suolo, piante e animali.

Iniziative più biodinamici cercano di incarnare triple approcci linea inferiore (sostenibilità ecologica, sociale ed economica), prendendo ispirazione dalle intuizioni di Steiner nella vita sociale ed economica come pure l’agricoltura. Community Supportedagricoltura (CSA), per esempio, è stato introdotto dagli agricoltoribiodinamici, e molti praticanti biodinamici lavorare in partnership creativa con altre aziende e con le scuole, strutture sanitarie e benessere, ristoranti, alberghi, case per la terapia sociale e di altre organizzazioni.

La Biodinamica non è quindi solo un sistema olistico agricolo, ma anche un movimento potente per nuove idee e pratiche in tutti gli aspetti della vita legati al cibo e l’agricoltura.